politica

Caro amico, La campagna elettorale per le Elezioni Regionali 2015 entra nel vivo. Vogliamo farci trovare preparati all'appuntamento. Tra le varie iniziative "in cantiere" finalizzate alla mia elezione in Consiglio Regionale abbiamo pensato di organizzare "un caffè con Gianni". Si tratta di momenti durante i quali io ho...

Qui trovate alcune delle attività svolte dal gruppo consiliare nei mesi di Gennaio e Febbraio   MOZIONE DEPOSITATA IL 06.02.2015 VERITA' SUL PORTO DI TARANTO! Riportiamo sotto il testo della mozione che abbiamo depositato, per la discussione nel prossimo Consiglio Comunale di Taranto, in cui chiediamo che si faccia...

Ieri Domenica 30 Novembre 2014 si è scelto il candidato Presidente del Centro Sinistra per le elezioni Regionali del 2015
L'Associazione ha deciso di appoggiare la candidatura di Michele EMILIANO da tempo vicino alla stessa.  
 

#diamocidelnoi​ con Michele EMILIANO Presidente

Complimentandoci con EMILIANO non possiamo fare a meno di notare i numeri di affluenza striminziti di Taranto Città. Comunque sappiamo che già .... da oggi si comincia a lavorare insieme per dare risposte al nostro territorio.

 DATI DEFINITIVI
 134.535 voti validi. 139.652 votanti (5.117 bianche e nulle)

Emiliano 76.930 (57,19%)
Stefàno 42.216 (31,37%)
Minervini 15.389 (11,44%)
 
PROVINCE:
Bari: Emiliano 20188 Stefàno 8717 Minervini 7037
Bat: 
Emiliano 6038 Stefàno 3098 Minervini 1046
Brindisi: 
Emiliano 8331 Stefàno 3430 Minervini 992
Foggia: Emiliano 16453 
Stefàno 4362 Minervini 2130
Lecce :  Emiliano 17745 Stefàno 18806 Minervini 3355
Taranto: Emiliano 8175 Stefàno 3803 Minervini 829
 
TARANTO città :
Emiliano 1478 voti     Stefano 597 voti        Minervini 89 voti
Emiliano 68,24%      Stefano 27,56%        Minervini 4,11%
dati analitici dei seggi in città :
Borgo : Emiliano 195 - Minervini 12 - Stefano108
Città Vecchia: Emiliano 35 - Minervini 0 - Stefano 21
Tamburi : Emiliano 68 - Minervini 1 - Stefano 66
Paolo VI° : Emiliano 84 - Minervini 0 - Stefano14
Tre Carrare - Battisti : Emiliano 107 - Minervini 13 - Stefano 64
Salinella - Montegranaro : Emiliano 268 - Minervini 20 - Stefano 166
Solito Corvisea : Emiliano 271 - Minervini 16 - Stefano 36
Lama - San Vito : Emiliano 336 - Minervini 20 - Stefano 57
Talsano : Emiliano 114 - MInervini 7 - Stefano 65

Come altre volte pubblichiamo il resoconto di Consigli Comunali che riteniamo di particolare interesse per la Città.

Questo del 26 Novembre verteva su due questioni principali :
- l'assestamento di Bilancio ed 
- il parere sul famigerato Piano Cimino

 

Qui sotto l'intervento di Gianni Liviano (preceduto .... per completezza dall'intervento del Sindaco)  mentre più sotto la parte riguardante il Piano Cimino all'interno del quale Gianni Liviano espone le sue valutazioni

Sindaco STEFANO 

Innanzitutto mi permetto di dire che in Consiglio si deve venire preparati, non si può chiedere al dirigente di fare una relazione, perché i corsi serali si fanno ma non in questa sede. Fatta questa premessa, che quindi il dirigente viene per dare delle risposte tecniche a domande che devono essere precise, motivate e intelligenti, sta per questo e mica per niente: perché il dirigente deve lavorare nell'interesse della comunità e non stare a fare corsi serali, lo ribadisco.

Il problema dell'assestamento è nato in quanto nel Bilancio di Previsione che è stato fatto sono state calcolate delle entrate e queste entrate non sono certe. Come voi tutti sapete e mi insegnate, nel Bilancio ci sono delle entrate e delle uscite che devono essere assolutamente equilibrate: quando queste uscite superano le entrate, noi violiamo il Patto di Stabilità con delle conseguenze gravissime per tutta la città. Ora il dirigente, in maniera molto attenta, studiando anche la notte - perché vanno dette queste cose - si è accorto che, per un atteggiamento prudenziale nei confronti dei Tarantini innanzitutto e poi dell'Amministrazione, ha detto: "Dobbiamo fare dei tagli perché dobbiamo avere la certezza matematica che quelle che abbiamo detto che sono le entrate devono veramente essere le entrate, in modo da poter calcolare le uscite. È questo il ragionamento fondamentale!

Noi, prudentemente, siccome possiamo giocare alla roulette russa con la nostra testa ma non con quella dei Tarantini, allora abbiamo prudentemente detto: “Va bene, rivisitiamo…!”. Ed è stata mandata una lettera a tutti i dirigenti per dire: "Vediamo quali sacrifici possiamo fare, dove possiamo tagliare per poter rispettare la legge del Patto di Stabilità?”. Norme che ci vengono imposte e che voi sapete che noi contestiamo, che la nostra nazione contesta, che però dobbiamo rispettare perché siamo in un Paese democratico che rispetta le leggi.

Detto questo, voglio e possiamo dire con grande serenità che, per esempio, il Bilancio del Gabinetto Sindaco è uguale a zero, cioè noi non spendiamo per le pubbliche relazioni neanche un euro, per dirlo in maniera molto chiara. I dirigenti hanno risposto; i due dirigenti si sono confrontati; io con gli Assessori e con i capigruppo siamo stati ore, ore e ore a vedere come e dove andare a limare per rispettare le regole, fermo restando che per bisogni particolari della nostra città e dei nostri cittadini c'è sempre, come voi mi impegnate, da poter utilizzare il fondo. Anche perché il fondo che la Legge ci impone di avere e di rispettare scade il 31 dicembre. Quindi per 30 giorni noi stringiamo la cinta  per rispettare le leggi e mantenere l’impegno con i cittadini; qualora ci dovessero servire dei finanziamenti particolari per esigenze non opinabili o soggettive ma oggettive nell'interesse della collettività, l'Amministrazione può, con l'autorizzazione - perché è responsabile il dirigente delle Finanze, come voi sapete, in questi casi – …noi possiamo prelevare e dare risposte ai cittadini. È una norma, è un atto amministrativo che qualcuno vuole strumentalizzare, che è indice di correttezza e di sana amministrazione. Così stanno i fatti!

Se io ho detto cose che non corrispondono al vero, invito il dirigente alle Finanze a correggermi.

 

 

Consigliere TRIBBIA (Presidente) 

Grazie, signor Sindaco. 

Ha chiesto di intervenire il Consigliere Liviano: ne ha facoltà.

Consigliere LIVIANO 
Signor Sindaco, signor Presidente, signori dirigenti, signori Consiglieri, il 16 ottobre del 2014 veniva approvato il Bilancio di Previsione per l'Esercizio 2014 e il Bilancio Pluriennale 2014/2016; adesso, a distanza di poco più di un mese, c'è un assestamento di Bilancio di 11.400.000 euro circa.

In particolare, leggendo l'assestamento di Bilancio leggo che c'è una riduzione delle entrate IMU di 7.000.000, quindi le previsioni dell'IMU indicate all'interno del Bilancio di Previsione approvato il 16 ottobre, cioè un mese fa, sono mutate rispetto all'odierna previsione di 7.000.000 di euro. Io immagino  - signori dirigenti - che le previsioni dell'IMU siano state fatte sulla base del riscosso di giugno – no? - mi chiedo cosa sia cambiato da ottobre ad oggi, cioè mi chiedo qual è l'elemento che ha modificato in maniera così forte la previsione dell'IMU. C'è stata forse una legge nuova, un decreto, una modifica in qualche maniera comportata da qualche...? 

(Brusio in aula)

Signor Presidente, chiedo per favore, un po' di silenzio per poter intervenire.

Grazie.

Consigliere TRIBBIA (Presidente) 

Cortesemente, pubblico e Consiglieri che prestassero un po’ di silenzio. Grazie.

 

Consigliere LIVIANO 

Stavo dicendo: mi chiedevo se c’é stata una legge nuova, cioè se è cambiato qualcosa dal 16 ottobre ad oggi, se c'è stato un decreto, se c’è stata una modifica che ha portato ad un così notevole cambiamento delle previsioni IMU: 7.000.000 di euro in meno!

Non mi pare che sia successo niente di tutto questo. E allora, se nulla è successo, la domanda è: su quali dati è stata fatta l'odierna previsione e su quali dati è stata fatta la previsione passata? Su quali dati il Collegio dei Revisori ha espresso parere favorevole l’altra volta e su quali dati ha espresso oggi il parere favorevole? Su quali dati si sono espressi i dirigenti, che nel frattempo sono cambiati in cinque nel 2014? Insomma, mi pare – Presidente - che uno dei principi cardine del Bilancio è la rappresentazione veritiera e corretta dei dati.

Allora sinceramente mi chiedo se è veritiero il Bilancio di Previsione, a questo punto, che abbiamo… che avete approvato il 16 ottobre…? Cioè se un Bilancio di Previsione che a distanza di un mese, senza che è mutata nessuna Legge dà entrate in meno per 11.000.000 di euro mi chiedo se era veritiero, cioè se quel Bilancio era vero, e questo lo dico veramente anche prescindendo da ciò che ha sostenuto la Corte dei Conti di cui tutti noi siamo consapevoli. Metto veramente da parte quella dinamica dei residui, la metto da parte, sto ragionando adesso delle previsioni sulle entrate. Allora, se in un mese, senza aver cambiato nessuna Legge, state facendo l’assestamento di Bilancio con 11.000.000 di euro in meno di entrate, io ho molti dubbi che il Bilancio approvato il 16 ottobre rappresenti dati veritieri e corretti, ho seri dubbi che sia stato approvato un Bilancio vero. Poi spero che i dirigenti mi smentiscano, cioè mi dicano se c’è stata una Legge nuova che a me sfugge che ha modificato completamente le previsioni di entrata.

Detto questo, è evidente che 11.000.000 e passa di entrate in meno comportano una riduzione delle spese e mi vado a guardare quali sono le spese ridotte: vedo, per esempio che ci sono 906.389 euro in meno sulla pubblica illuminazione. Allora, per esempio, che succede? Cioè avete deciso di non pagare le bollette ENEL? Come funziona? Oppure avete deciso di rinviare le fatture, per un criterio di competenza - sulla cui corretta applicazione ho seri dubbi – di fine anno all'esercizio successivo, creando evidentemente i presupposti per nuovi debiti fuori bilancio? 

Leggo che nella gestione del territorio Settore Urbanistica ci saranno 1.020.000 euro in più e mi chiedo: che cosa succede? Cioè che cosa non si farà più? Qual è la scelta che avete fatto nel Settore Urbanistica per cui si risparmierà 1.020.000 euro?

Leggo ugualmente di 865.000 euro per parchi tutele ambientali in meno rispetto al previsto del Bilancio di Previsione approvato non più di un mese fa. Ma soprattutto leggo - e questo dato mi lascia assolutamente interdetto e preoccupato - che ci sono circa 3.000.000 di euro in meno sui servizi sociali, cioè le previsioni di spese prevedono una riduzione dell’investimento di spesa per i servizi sociali di 3.000.000 di euro, che significa circa un sesto di meno delle spese previste per i servizi sociali che ammontano più o meno a 18.000.000 di euro.

Allora le non corrette, non veritiere previsioni, non prudenti - a differenza di ciò che ha detto il Sindaco… perché se fossero state prudenti (il Sindaco, che è un ottimo medico, non ha evidentemente nessuna competenza di queste cose), perché se fossero state previsioni corrette, sarebbe successo il contrario. Invece non sono state previsioni corrette se si è ridotta la previsione di entrate di 7.000.000 di euro, non sono state previsioni prudenti. E allora ridurre di 3.000.000 di euro la spesa prevista è uno schiaffo in faccia a tutte le situazioni di difficoltà esistenti sul territorio, che pure evidentemente sono tante. Questo accade nonostante in questo momento in città tutte le tasse siano elevate ai massimi livelli.

Io mi chiedo qual è il ruolo dei colleghi Revisori dei Conti che hanno espresso il parere favorevole allo scorso Bilancio e che esprimono oggi parere favorevole a questo assestamento di bilancio. Cioè: o hanno detto fesserie prima o stanno dicendo fesserie adesso, e nell'una e nell'altra ipotesi non mi sembrano affidabili e attendibili.

Grazie.  

 

Ribadita, ancora una volta, in una nota la posizione del Gruppo Consiliare "NOI DEMOCRATICI PER LE CITTÀ CHE VOGLIAMO" ( Gianni LIVIANO , Dante CAPRIULO e Francesco VENERE) circa la paventata espansione del piano urbanistico di TARANTO Allucinante ma vero, nella nostra città si ritorna a discutere dell’espansione urbanistica e precisamente...


16 Ottobre 2014 - Consiglio Comunale  QUI  trovate l'ordine del giorno dove al punto 30 era previsto l'esame e l'approvazione del Bilancio Preventivo 2014 (siamo a metà Ottobre notare)

Intervento di Gianni LIVIANO sul punto relativo 
SINDACO, PRESIDENTE, CONSIGLIERI,

1) IL CONS. COMUN. E' IL LUOGO DI INDIRIZZO DELLA GESTIONE DELL'AMMINISTR. COMUNALE.

IL LUOGO IN CUI SI STABILISCE IN MANIERA CONDIVISA QUALI SIANO LE PRIORITA', GLI OBBIETTIVI E LE SCELTE RISPETTO AI TEMI DI COMPETENZA.

IL BILANCIO DI PREVISIONE E' LO STRUMENTO CON CUI L'ATTO D'INDIRIZZO SI SOSTANZIA, PRENDE CORPO E DIVENTA SCELTA PROGRAMMATICA.

E' IL LUOGO IN CUI SI SOSTANZIANO LE SCELTE, E SI INDIVIDUANO LE PRIORITA'.

E' L'OCCASIONE PER LA POLITICA DI ESPRIMERE LA SUA PRESENZA E DARE IL SENSO ALLA SUA ESISTENZA.

2) OGGI 16/10/2014 SIAMO CHIAMATI AD APPROVARE IL BILANCIO DI PREVISIONE DELL'ANNO 2014 DOPO AVER RICEVUTO LA DIFFIDA DEL PREFETTO E A POCHISSIMI GIORNI DALLA SCADENZA DI OGNI RESIDUA POSSIBILITA' DI DI APPROVAZIONE.

3) DISCUTERE OGGI SUL MERITO DEI CONTENUTI DI QUESTO BILANCIO, ENTRARE NEL MERITO DELL E SINGOLE SCELTE, QUANDO MOLTISSIME COSE DI QUELLE PREVISTE SONO STATE GIA' REALIZZATE, E' EVIDENTEMENTE INUTILE.